Benvenuta in Timeless Baja… Elena

 

Mi chiamo Elena Tamburin, sono italiana e sono una studentessa di dottorato. Per tutti quelli che non sanno cosa fa uno studente di dottorato: siamo ricercatori. Significa che cerchiamo di rispondere a domande scientifiche con ricerche ed esperimenti. I miei amici, molto romanticamente, dicono che sto cercando di risolvere i misteri del mondo naturale, che è molto poetico ma non è esattamente vero.

Essere uno studente di dottorato significa che prendi coscienza di problematiche o formuli un quesito scientifico. Quindi inizi a pensare a un’ipotesi basata su queste problematiche o che potrebbe rispondere alle tue domande. Successivamente metti alla prova la tua ipotesi con diversi esperimenti e raccolta di dati scientifici cercando di generare una teoria che possa spiegare i tuoi risultati. Cerchi quindi di generare più informazioni per risolvere il problema iniziale o rispondere alla tua domanda iniziale. Questo di solito accade solo in parte perché nella scienza, quando pensi di avere la risposta definitiva, ti rendi conto di poter aggiunger un’informazione molto piccola, ma nel frattempo hai generato un altro milione di domande in piú, che sará necessario esplorare. Per questo motivo, molte persone considerano la scienza inutile, ma come una diceva Margarita Hack, questo è il motore dell’innovazione, in questo modo ci rendiamo conto che abbiamo bisogno di scoprire ancora moltissime cose e ci spinge a essere sempre più curiosi…. ed è anche la parte divertente del lavoro.

 

tartaruga-marinia-bassa-california
Tartaruga marina incontrata tra le reti e liberata

 

Ad ogni modo, adesso sono una biologa marina e sto sviluppando le mie ricerche con gli squali baby qui in Baja California Sur. Probabilmente vi state chiedendo perché squali e perché Baja  California?

Questa parte della mia storia è piuttosto curiosa e divertente perché sono nata a Torino (Italia), dove ci sono solo montagne!!Quindi, come sono arrivata a La Paz con gli squali? Allora, come la maggior parte delle persone ho visto il film Squalo di Spielberg quando avevo 10 anni. Come risultato rimasi traumatizzata e terrorizzata che nel mare potessero esistere animali come quegli squali. Tuttavia sono sempre stata una bambina curiosa e intelligente, così ad un certo punto ho deciso che non potevo essere spaventato da qualcosa che non conoscevo… ed iniziai a leggere, cercare informazioni e guardare documentari sugli squali.

Con il tempo, diventai un grande fan di questi animali ed inizia ad amarli, decidendo che nel mio futuro sarei diventata una biologa di squali, in particolare studiosa dello squalo bianco. Quindi, letteralmente, sto vivendo il mio sogno d’infanzia. Infatti una cara amica mi ricorda sempre che la prima volta che ci siamo conosciute al liceo mi presentai cosi: “Ciao, sono Elena e da grande faro la biologa di squali” e letteralmente lo sono diventata!

Ma perché la Baja California?

Mi sono laureata in Scienze Biologiche a Torino, poi la specialistica in Biologia Marina ad Ancona e lì ho vinto una borsa di studio per 6 mesi e ho iniziato a cercare un centro di ricerca che potesse ospitarmi. Il Centro Interdisciplinario di Ciencias Marinas (CICIMAR) di La Paz mi ha accettato, così giunsi in Baja California circa 4 anni fa. All’ inizio ho trascorso 6 mesi lavorando in diversi campi di pesca artigianali per raccogliere campioni di tessuti provenienti da squali. In quel momento, volevo migliorare le mie capacità di lavorare sul campo, facendo qualcosa di pratico con questi animali, che in Italia non potevo fare.

Chiesi al mio professore-supervisore di darmi tutte la possibilità di rimanere sul campo con gli squali e lui mantenne la promessa: mi mandò nei luoghi più dispersi, remoti e selvaggi della Baja per lavorare e vivere con pescatori artigianali. All’inizio non fu facile difficile: molte volte ero senza acqua per fare la doccia o senza elettricità. Dovevo imparare a guidare fuori da strade nel mezzo del deserto e guidare un panga. Ho dovuto imparare tutto sulla pesca artigianale e andare a pescare con i pescatori, lavorando come uno di loro in modo da poter raccogliere campioni.

 

campine sangue di squalo raccolto in campo pesquero
Campione sangue di squalo raccolto in campo pesquero

 

Ma durante questo periodo, iniziai ad amare il paesaggio selvaggio della Baja, le sue strade nel deserto che ti danno una libertà che non hai mai provato. Iniziai ad amare passare tutto il giorno in mare, guardandoti intorno vedendo solo l’oceano Pacifico … che molte volte ti fa regali meravigli come le balene che si avvicinano al panga, i delfini che seguono la barca, i leoni marini che aspettano che cada qualche pesce e gli squali che saltano all’ orizzonte.

Piu tempo trascorrevo in quei remoti campi di pesca e piu qualcosa in me cambiava…e non ero preparata per quello che è successo: mi sono innamorata.

 

oceano-pacifico
Oceano Pacifico

 

Mi sono innamorata della Baja California, della sua gente, dei suoi posti e del nuovo modo di fare il mio lavoro. Mi sono innamorata delle stelle che puoi vedere nel cielo di Baja nella notte, della la Via Lattea, dello scalare una collina nel deserto e vedere l’oceano dall’altra parte e dello skyline al tramonto con il cielo che sembra essere in fiamme.

Vivere con i pescatori mi ha permesso anche di pensare al mio proprio quesito scientifico e ho iniziato a pensare a un progetto di ricerca, che poi e’ diventata la mia attuale ricerca. Ho pianificato il progetto, l’ipotesi da testare e l’ho difeso per entrare nel programma di dottorato … L’ho letteralmente sognato.

Per molte persone questo è strano, perché il progetto di dottorato è solo un progetto di ricerca, cioè qualcosa che ti permette di ottenere un lavoro e dei soldi per vivere bene la tua vita … ma per me e alcune altre persone non funziona in questo modo. Il mio progetto di ricerca non è solo un lavoro o una carriera accademica … questo è il sogno della mia vita, quello che sognavo di fare da quando ero bambina … Ho sognato di diventare una biologa marina e di studiare gli squali bianchi … e io ho la fortuna di vivere il mio sogno. In questo momento, ho vissuto a Baja negli ultimi 4 anni e il mio cuore è ancora innamorato di questa terra e della sua gente.

 

oceano-pacifico-bassa-california
Uscita di pesca all’alba nell’Oceano Pacifico

 

Posso vivere questo sogno in uno dei posti più belli del pianeta, posto che ha catturato il mio cuore con la sua selvaggia bellezza, con la sensazione di libertà che i suoi angoli più segreti mi regalano, con il suo territorio rude che mi insegna sempre qualcosa di nuovo e mi permette di scoprire qualcosa di nuovo su di me e con il calore e l’amore di tutta la sua gente … Loro mi hanno dato così tanto che non posso esprimere la mia gratidutine. In tutti i campi di pesca e luoghi che ho visitato mi hanno ospitano, mi hanno accettano nella loro comunità e mi hanno aiutano nel mio lavoro … mi hanno nutrito, mi hanno appoggiato nei momenti difficili e molti di loro sono diventati miei amici …

Non è stato facile attraversare l’oceano per seguire e vivere il mio sogno, ma so che ho fatto la scelta giusta … e se vuoi la possibilità di sperimentare la bellezza selvaggia e aspra del luogo in cui il deserto si unisce all’Oceano Pacifico devi darti l’occasione di visitare la Baja California … .

Credimi, secondo me ti innamori anche tu …

 

 

Elena Tamburin
e.tamburin@timelessbaja.com

 

Comments

Lascia un commento